martedì 26 aprile 2016

Quale taglierina?non la FISKARS!!

Ciao ragazze!! Spesso noterete che nei miei profili social, e anche qui sulla barra laterale del blog,  pubblicizzo e consiglio dei prodotti e delle offerte. Non si tratta di sponzorizzazioni, ne prendo nessun compenso per tale pubblicità. Semplicemente quando ho una felice esperienza con un particolare prodotto o un certo negozio, mi piace condividerla con voi, in modo da rassicurare chi invece ha qualche dubbio o esitazione.

Solitamente, se ho una cattiva esperienza invece evito di parlarne, perchè capisco che a volte un errore può succedere, e il fatto che io abbia avuto un problema, non è detto che questo debba ripetersi necessariamente con qualcun altro. Un errore, una svista, un problema può capitare. E' successo qualche volta anche a me nella mia attività e mi sentirei mortificata se una esperienza andata male, condizionasse tutto, cancellando tutte le altre transizioni chiuse in maniera positiva. E' anche vero che in questi casi spiacevoli ho sempre cercato di riporre rimedio e di trovare una soluzione soddisfacente per la cliente.

Ma quando il problema si verifica una azienda che reputavo seria, e che ho sempre straconsigliato a tutte quelle che mi chiedevano un consiglio su che taglierina usare, allora mi sento in dovere di rettificare!!

Non comprate la FISKARS!!Il servizio clienti pessimo, non professionale, e sembra quasi prenderti per i fondelli!Ho già provveduto a rimuovere il link nella barra laterale dei consigli.

Ecco un sunto dei fatti, sta poi a voi farvi una opinione ;)
Ho acquistato questa taglierina: 

Mi  sono da sempre accorta che tagliava storto, ma credevo che fossi io il problema, che magari muovevo per errore il foglio. Ho anche acquistato 2 confezioni di lame, pensando si trattasse di un problema di lama, visto che la lama che ricevetti nella confezione era già consumata. Ma nulla, il taglio era sempre storto.

Una decina di giorni fa decisi di verificare con la squadretta se il problema non fosse proprio della taglierina. E sorpresa!! Il braccio non è a 90° con la lama, per cui il taglio non uscirà mai dritto. La taglierina è integra, e il sistema di bloccaggio è perfetto! Semplicemente è posizionato nel punto sbagliato. Un errore di fabbricazione dunque.
ovvero ( se cliccate sulla foto potrete vedere il problema nel dettaglio!!)
come potete vedere, il retro è sano!


Bene. Telefono la azienda, che mi rimbalza ad un'altra ditta, perchè per questo genere di prodotto i privati devono rivolgersi alla RENKALIK s.p.a.

Ok. Telefono alla Renkalik, e mi si chiede di mandare una mail con delle foto che provino questo difetto di fabbrica.

Perfetto. Mando la mail con le foto. Dopo 4 gg di silenzio, ritelefono. Mi si chiede di rimandare di nuovo la mail con le foto per sollecitare chi si occupa della pratica.

Mando una nuova mail, con altre foto. Ma nessuna risposta. Ritelefono.

Chiedo gentilmente quanto dura la garanzia delle loro taglierine fiskars. Mi rispondono 7gg. Eppure la legge mi dice ben altro!!! Dal Codice del Consumo (articoli 128 e ss.):

Il consumatore può far valere i propri diritti in materia di garanzia legale di conformità rivolgendosi direttamente al venditore del bene, anche se diverso dal produttore. [...] In presenza di un vizio di conformità, il consumatore ha diritto, a sua scelta, alla riparazione o sostituzione del bene difettoso da parte del venditore, senza addebito di spese, salvo che il rimedio richiesto sia impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all’altro. Se sostituzione o riparazione non sono possibili il consumatore ha comunque diritto alla riduzione del prezzo o ad avere indietro una somma, commisurata al valore del bene, a fronte della restituzione al venditore del prodotto difettoso. [...]
La garanzia legale dura due anni dalla consegna del bene e deve essere fatta valere dal consumatore entro due mesi dalla scoperta del difetto: occorre quindi conservare sempre la prova di acquisto (ricevuta fiscale o scontrino di cui si consiglia di fare subito una fotocopia perché le carte termiche degli scontrini possono scolorirsi con il tempo).


Faccio presente che in una precedente telefonata mi hanno chiesto le foto, che ho mandato 2 mail. L'operatrice mi ha riconusciuto, ha detto che ha ricevuto entrambe le mie mail e poi ha chiuso la telefonata, assicurandomi che avrebbero fatto un nuovo sollecito per la pratica. Sinceramente a questo punto mi sento presa proprio per i fondelli.

Morale della favola?
NON CONSIGLIO ASSOLUTAMENTE 
QUESTA TAGLIERINA FISKARS!!


martedì 19 aprile 2016

traveler's notebook _ Un po' di art journaling e... la rivolta delle agende!

Ciao!! Vi starete chiedendo "ma hai abbandonato i planner?"
No, no, tranquille, mai! ^-^
E' solo che mi sto divertendo un mondo a fare i pasticci nel mio traveler's notebook, eppure non lo avrei mai pensato!! Un paio di giorni fa ho trovato questo challenge troppo simpatico di fate le creative, e non vedevo l'ora di partecipare. Ho scelto come combinazione i tre elementi timbro - verde - enamel dots, e quindi li ho utilizzati per preparare una paginetta all'interno del mio journal,. Ed ecco il risultato :)


Nel frattempo le mie agende stanno organizzando una piccola rivolta!! Mentre realizzavo la timbrata sul TN, la Kikkik Lilac, che stava comodamente riposta sulla mensola sopra la mia scrivania, ad un certo punto si è ribaltata o.O


Mi stava quasi finendo in testa, per fortuna che ha colpito prima la lampada così ho fatto in tempo a togliere la testa dalla sua traiettoria! Purtroppo però è finito sul tampone d'inchiostro, ovvero l'Archival ink, che è resistente all'acqua. Ecco il risultato! ( T - T ) 
Ho usato di tutto per cercarla di pulire, ma senza riuscirci....uffff
Se avete consigli o suggerimenti per pulirla, lasciatemi un commento qui sotto.

sabato 16 aprile 2016

file folder per il traveler's notebook

Ciao!! Quello che vi mostro oggi è la tachina da inserire all'interno del traveler's notebook.

Per realizzarla non ho utilizzato un vero e proprio template o delle misure precise, ma mi sono adeguata un po' alla carta che mi rimaneva dal foglio per scrapbooking 30x30 cm, ed imparticolare ho utilizzato un foglio della collezione "Gorjuss", con una fantasia damascata sul davanti, e il retro bianco.

Vi lascio comunque un'immagine con le misure che ho utilizzato, nel caso volesse anche voi realizzare una cartellina da un singolo foglio di scrapbooking. 
Poiche lo sfondo era molto piatto, ho deciso di dargli un aspetto più vintage utilizzando al solito i distress ink di Tim Holtz. Poi ho bordato la pagina con alcuni timbri della BoBunny per fare un finto effetto cucitura. Anche il titolo è stato realizzato con un timbro della Prima Marketing. In basso ho incollato una card realizzata con questo timbro di Tim Holtz, che ho colorato con i distress markers.


Qui potete vedere alcuni piccoli dettagli ^-^. Il bordo della card è stato lavorato con il distressing tool della Prima Marketing.

La Parte interna della tasca era invece completamente bianco, per cui ho dovuto usare diversi timbri e inchiostri per darle un aspetto più particolare.Oltre al timbro della Bobunny che vi ho citato prima, ho utilizzato questi qui della Prima Marketing:


Qualche altra foto dell'interno, dove ho usato diversi washi tape per aggiungere qualche altro dettaglio.

con questo post partecipo al challenge di:
Hobbyland challenge #13: cuciture

martedì 12 aprile 2016

traveler's notebook e sfide di Aprile

ciao!! Oggi vorrei mostrarvi l'ultimo lavoretto a cui mi sto dedicando in questi ultimi giorni. Si tratta di un quaderno che ho intenzione di utilizzare all'interno dell'ultima agenda che ho acquistato, ovvero l "traveler's notebook" della webster's pages. Io l'ho acquistato in preordine sul sito scrapiteasy, ma so che ci sono molti altri negozietti che vendono in preordine questa collezione ;)

Ovviamente non potevo lasciare la copertina con un anonimo cartoncino bianco XD
Ho deciso di scrapparlo un po'! ^-^

Copertina scrappata in stile vintage del quaderno per il traveler's notebook della Webster's pages

per lo sfondo ho utilizzato:
vari timbri della "prima marketing"
alcuni washi tape
i distress ink, e in particolare i colori "forest moss", "tea dye", "vintage photo" e "antique linen"


 dettaglio della copertina, traveler's notebook della Webster's pages, decorata in stile vintage e con una citazione

ho inserito alcuni ritagli di carta scrap, disposti a diversi livelli, per movimentare lo sfondo.
Su quella più in alto ho scritto una citazione che devo dire mi rappresenta molto :)
Infine ho incollato qualche ingranggio metallico. Mi piace abbinare motivi più naturali a quelli "industriali" ^-^

altro dettaglio della copertina del quaderno per il traveler's notebook della Webster's pages, con una farfalla ed altri abbellimenti vintage
Dettaglio:
La farfalla l'ho realizzata con un timbro ( io amo i timbri "stampNadd" della Prima Marketig!)
L'ho poi colorata con i distress markers, e infine ritagliata e incollata sulla copertina. Ho infine aggiunto un segnapagine di una vecchia collezione di Maggie Holmes.


prime pagine di journaling all'interno del quaderno del traveler's notebook della Webster's pages
Questa è invece la prima paginetta del quaderno :)

dettaglio della timbrata sul retro della copertina de traveler's notebook della Webster's pages

il retro del quaderno invece l'ho lasciato più semplice, inserendoci solo una timbrata, che ho poi modificato un po' con un pennino sottile, per dargli un aspetto più vintage. Al centro ho scritto il mio logo :)

Con questo post partecipo alla sfida di Aprile: scrapiteasy